Archivio

Archivio per la categoria ‘Primo piano’

Con Breivik, il noir cambierà

26 Agosto 2011 Commenti chiusi

NesboLa strage norvegese del 22 luglio 2011 non potrà non finire nel flusso dei romanzi di genere. A dirlo è Jo Nesbø, lo scrittore norvegese papà dell’enigmatico detective Harry Hole, best-seller in Gran Bretagna.

(A sinistra, Nesbø; a destra, l’infame Breivik)

breivikL’autore, parlando all’Edinburgh International Book Festival, ha affermato che il massacro “sicuramente influenzerà la letteratura poliziesca. Non penso che sarà qualcosa di consapevole, ma siamo tutti cambiati. E’ lì, in fondo alle nostre teste, e tutto ciò che è nelle nostre menti troverà la sua strada alla carta”.

Leggete l’articolo intero sul Guardian (in inglese).

Il mondo sta fallendo? News da crimine

9 Maggio 2010 Commenti chiusi

wall street forensicsCrimini e delitti descrivono sempre meglio qualsiasi aspetto della vita reale. Anche l’economia ne fa parte, anzi è la maggior parte, e quindi è normale che anche il Washington Post usi termini in stile “crime” per descrivere eventi economici (a lato il titolo in prima pagina dell’8 maggio).
Prosegui la lettura…

Garlasco, il parere dell’ICAA

8 Agosto 2008 1 commento

Riceviamo e volentieri pubblichiamo (L.S.)

Prosegui la lettura…

Liliana Grimaldi, “cold case” numero 2

13 Luglio 2008 2 commenti

Constatando che il narcotico non aveva funzionato, il giovane nomade reagì alla ribellione prendendo una calza di seta e strangolando la donna che aveva aperto la porta. Si fidava.
In casa solo un’impronta di quel delitto del 31 maggio 1994. La vittima aveva 74 anni; il suo assassino, 17. A riesumare il caso è stata la divisione cold case di Roma.

Prosegui la lettura…

Categorie:Primo piano Tag: ,

Pulivano i cessi. Io, il secchio

23 Giugno 2008 Commenti chiusi

Quelle vecchie non servivano a niente, neanche a pulire i cessi, cosa per la quale venivano pagate. Sono diventate qualcuno solo perché me ne sono occupato io. Definitivamente. E che ho preso in cambio? Le loro scarpe. Poi neanche diventavano famose, se non cominciavo io a scrivere di loro. E ci voleva qualche particolare, no? Di quelli che solo io conoscevo. Solo io potevo conoscerli. Cazzo, se ne sono accorti anche quelli della polizia. M’hanno interrogato, fermato, pestato e hanno trovato in casa mia il DNA delle vecchie. E le loro scarpe… Zivana Temelkoska (65 anni, trovata nel 2008); Ljubica Licoska (56 anni, 2007); Mitra Simjanoska (64, 2005). Taneski, mi chiamo.

Prosegui la lettura…

Collezionista di ossa canadesi

19 Giugno 2008 1 commento

Ancora un piede destro completo di scarpa è stato rinvenuto in Canada. Non si ha nessun dettaglio sul tipo di azione che ha separato l’arto dal resto del corpo, né sui corpi ormai monchi, forse non più vivi, dei quali facevano parte.

Prosegui la lettura…

Categorie:Primo piano Tag: , ,

Armin Meiwes: “la carne umana sa di maiale”

28 Ottobre 2007 Commenti chiusi

Il tedesco Armin Meiwes, condannato all’ergastolo per essersi cibato di un uomo consenziente, si è recentemente confidato in un’intervista televisiva. Il suo pasto proveniva da Bernd Brandes, un collega (tecnico informatico), omosessuale coprofago, a suo dire desideroso di morire, essere macellato e mangiato. Pentito? Proprio per niente: dice d’essere stato altruista.

Prosegui la lettura…