Archivio

Archivio per la categoria ‘Argomenti vari’

Con Breivik, il noir cambierà

26 Agosto 2011 Commenti chiusi

NesboLa strage norvegese del 22 luglio 2011 non potrà non finire nel flusso dei romanzi di genere. A dirlo è Jo Nesbø, lo scrittore norvegese papà dell’enigmatico detective Harry Hole, best-seller in Gran Bretagna.

(A sinistra, Nesbø; a destra, l’infame Breivik)

breivikL’autore, parlando all’Edinburgh International Book Festival, ha affermato che il massacro “sicuramente influenzerà la letteratura poliziesca. Non penso che sarà qualcosa di consapevole, ma siamo tutti cambiati. E’ lì, in fondo alle nostre teste, e tutto ciò che è nelle nostre menti troverà la sua strada alla carta”.

Leggete l’articolo intero sul Guardian (in inglese).

Lavoro oculato

20 Maggio 2011 1 commento

storiasporcaMi chiamo Sorge e sono ingegnere edile. Sono sposato con Antonietta Miceli e da lei ho avuto due figli, che ho chiamato Edgardo ed Edmundo, in onore al Re Lear di Shakespeare, ma normalmente li chiamano Luca e Roberto.

Sono un palazzinaro, un uomo duro con alcune società. Un paio stanno fallendo e gli altri non sanno se è una scelta, per accumulare denaro senza pagare i creditori, o se doveva andare così. Ma ho intestato le proprietà ai figli, per cui da me non avranno soldi e penseranno che ho architettato tutto.

Da me non avranno nulla. Anche perché sono morto.

M’hanno trovato legato alla sedia, torturato come Netta, mia moglie. A me m’hanno anche cavato gli occhi dalle orbite quando ero ancora in vita: un lavoro oculato.

Per salvarci la vita avrei fatto qualsiasi cosa.
Ma ai miei aguzzini non avevo niente da dire.

La storia sporca
Marco Minicangeli
Ed. Controluce, 2011
Euro 17


Bello quanto il romanzo, ecco il booktrailer.

Altri libri di Marco Minicangeli citati su Crimen:
Uomo(n)
Ammazzo tutti

Sul filo del rasoio

31 Maggio 2010 2 commenti

filorasoioed_100x100Crimine: flagello in continuo mutamento, in grado di varcare qualsiasi limite di spazio e di tempo.

Tecnologia: strumento in continua evoluzione in grado sia di deformare l’arte del delitto, sia di adattare le modalità per combatterlo.

Tra umani e biomacchine, armi inimmaginabili e moventi impensabili, alienazioni del possibile e distorsioni del reale, ventidue storie del crimine a venire (…) narrano il cuore di tenebra di un’Italia futura e futuribile, in equilibrio -sempre più instabile- sul filo del rasoio di Blade Runner.

Prosegui la lettura…

Jennifer vista da Roberta

22 Luglio 2008 1 commento

Riceviamo e volentieri pubblichiamo (L.S.) 

Prosegui la lettura…

Drudi giallonoir a cena

16 Giugno 2008 3 commenti

Domenica 15, mentre cose… turche accadevano agli Europei di calcio, Trastevere ospitava la divertente cena organizzata dal camisadissimo Vito Tripi, accompagnato da Rita Calabrisella e con la partecipazione della regina celtica Rossella Drudi (con consorte e amica), di Carlo Bernardi (con la deliziosa moglie Adonella), Sebastiano Fusco con la moglie Annamaria e anche della mia misera persona.

Prosegui la lettura…

Ho tagliato Georgina

15 Giugno 2008 Commenti chiusi

Devo fare presto. So che mi guardano dalla telecamera di sorveglianza: hoi messo la giacca fluorescente così la inganno. Ho il codice: introduco la scheda ATM, prelevo 200 sterline e scappo. Ecco… cazzo, il codice non funziona! Sarà così?… No. Devo scappare. Ma che l’ho tagliuzzata a fare, la vecchia?

Prosegui la lettura…

Categorie:Argomenti vari Tag: ,

Murata viva

14 Giugno 2008 2 commenti


Mio figlio è tutta la mia vita. Mio figlio oggi ha 17 anni e da quando rimasi incinta di lui, la mia vita cambiò. Completamente.
Il padre, purtroppo, non l’ha mai riconosciuto. Neanche conosciuto. Anzi, a parte me, nessuno l’ha mai conosciuto: non l’ho detto a nessuno. Mi chiamo Maria Monaco e sono nata 47 anni fa a S. Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta.

 

Prosegui la lettura…

Tokyo Spree ad Akihabara

8 Giugno 2008 4 commenti


Akihabara è il quartiere dove vanno i giapponesi appassionati di tecnologia fino alla morte. Dalla metafora alla realtà, 17 vittime hanno fronteggiato una reale minaccia di morte. Solo sei sono stati fortunati: il coltello di Tomohiro Kato -questo il nome dell’unico fermato- li ha uccisi.

 

Prosegui la lettura…

TodesEngel: Jeff Weise (2005)

8 Giugno 2008 Commenti chiusi


Sono l’angelo della morte, un normale ragazzo americano di 16 anni che sa usare i computer, frequenta i log e non ha né fantasia né successo. Mi piacciono i film in stile Columbine come Elephant e qualche volta posto come todesengel, angelo dellamoprte, sui siti nazi.

 

Prosegui la lettura…

Non si sevizia un paperino

3 Giugno 2008 6 commenti


E’ troppo facile prendersela con gli indifesi. Per di più se sono animali. Piccoli. Eppure ci sono individui che compiono le più turpi operazioni immaginabili.

Notti romane intasate di cibo e d’alcol, di mantiche stravaganti, di stranieri ospitati in barba alla Bossi-Fini.

Prosegui la lettura…