Home > Argomenti vari > Lavoro oculato

Lavoro oculato

20 Maggio 2011

storiasporcaMi chiamo Sorge e sono ingegnere edile. Sono sposato con Antonietta Miceli e da lei ho avuto due figli, che ho chiamato Edgardo ed Edmundo, in onore al Re Lear di Shakespeare, ma normalmente li chiamano Luca e Roberto.

Sono un palazzinaro, un uomo duro con alcune società. Un paio stanno fallendo e gli altri non sanno se è una scelta, per accumulare denaro senza pagare i creditori, o se doveva andare così. Ma ho intestato le proprietà ai figli, per cui da me non avranno soldi e penseranno che ho architettato tutto.

Da me non avranno nulla. Anche perché sono morto.

M’hanno trovato legato alla sedia, torturato come Netta, mia moglie. A me m’hanno anche cavato gli occhi dalle orbite quando ero ancora in vita: un lavoro oculato.

Per salvarci la vita avrei fatto qualsiasi cosa.
Ma ai miei aguzzini non avevo niente da dire.

La storia sporca
Marco Minicangeli
Ed. Controluce, 2011
Euro 17


Bello quanto il romanzo, ecco il booktrailer.

Altri libri di Marco Minicangeli citati su Crimen:
Uomo(n)
Ammazzo tutti

  1. letiziastrambi
    6 Luglio 2011 a 21:47 | #1

    ma come Sorge? Si ispira a te Marco? Sono curiosissima

I commenti sono chiusi.